Il presente sito utilizza i cookie tecnici, ma anche i cookie di terze parti per assicurare la migliore esperienza di navigazione. Possiamo usare direttamente i cookie tecnici, ma è possibile disabilitare i cookie statistici e di profilazione nella Cookie Policy. Se prosegui nella navigazione o chiudi il banner acconsenti all’utilizzo di tutti i cookie.

X chiudi

Il presidente sloveno a Trieste

09/10/2015
Pahor consegna l'onorificenza al presidente della Skgz Rudi Pavšič (foto: STA/Stanko Gruden)

Arriva oggi a Trieste il presidente della Repubblica di Slovenia Borut Pahor. Il capo dello stato presenzierà alla solenne cerimonia per il 60.o anniversario di costituzione della Skgz (Unione culturale economica slovena), importante associazione degli sloveni in Italia. Durante la cerimonia, che avrà luogo al Kulturni dom di Trieste alle 18, il presidente sloveno consegnerà al presidente della Skgz Rudi Pavši› un importante riconoscimento per l impegno e il lavoro svolto a favore della comunità slovena.
Sabato prossimo, 17 ottobre, si terrà invece al Kulturni dom di Gorizia il 26.o congresso regionale della Skgz, che nell occasione rinnoverà le proprie cariche sociali per il prossimo triennio. Fondata in seguito alla sottoscrizione del Memorandum di Londra, che ha sancito la definitiva annessione della Zona A del territorio di Trieste all Italia, la Skgz è nata con l intento di fungere da elemento di connessione e rafforzamento delle attività degli sloveni in Italia nelle province di Trieste, Gorizia e Udine, dove è storicamente presente la comunità slovena. Nella sua storia la Skgz ha promosso centinaia di interventi a livello locale, regionale e nazionale affinché agli sloveni in Italia venisse garantito il diritto all utilizzo della lingua slovena nei rapporti con le istituzioni.
Oggi la comunità slovena è tutelata dalla costituzione, da documenti internazionali e, anche grazie all impegno della Skgz, dalla legge di tutela n. 38/2001. Fin dalla sua costituzione, la Skgz ha sempre perseguito lo sviluppo delle aree di confine, contribuendo con numerose iniziative alla creazione di una politica di convivenza pacifica con la popolazione di maggioranza e promuovendo una proficua collaborazione tra l Italia e la Slovenia. (Il Piccolo, 9.10.2015).