Il presente sito utilizza i cookie tecnici, ma anche i cookie di terze parti per assicurare la migliore esperienza di navigazione. Possiamo usare direttamente i cookie tecnici, ma è possibile disabilitare i cookie statistici e di profilazione nella Cookie Policy. Se prosegui nella navigazione o chiudi il banner acconsenti all’utilizzo di tutti i cookie.

X chiudi

La SKGZ appoggia la presa di posizione della Confederazione Italiana fra le Associazioni combattentistiche e partigiane

12/08/2011
NULL
Rudi Pavšič ha inoltrato una lettera al presidente della Rapubblica Napolitano e per conoscenza al presiente del Senato Schifani, al presidente della Camera Fini e al presidente del Consiglio regionale del FVG Franz. Pubblichiamo il testo integrale della missiva.

*Egregio Signor Presidente,*

*mi rivolgo a Lei come massimo rappresentante della Repubblica Italiana chiedendoLe di appoggiare le richieste delle associazioni combattentistiche partigiane ANPI, ANED ed ANPPIA contrarie all'adozione del disegno di legge n. 3442 presentato dal deputato Fontana che si prefigge di rivedere sostanzialmente la Costituzione italiana, basata sugli ideali della resistenza e della democrazia.*

*Detta proposta di legge, già approvata dalla Commissione per la Difesa della Camera dei Deputati, prevede infatti il riconoscimento giuridico delle associazioni combattentistiche che si richiamano alla RSI nonché il finanziamento delle loro attività, mettendo di fatto sullo stesso piano le vittime ed i sostenitori del periodo più buio del XX. secolo.*

*Signor Presidente,*

*un anno fa a Trieste assieme ai presidenti di Slovenia e Croazia avete posto una pietra miliare per un futuro migliore tra i popoli delle nostre terre, figli di un passato tragico e difficile. Anche per questo motivo la nostra associazione ritiene doveroso sostenere tutte le azioni che tendono a salvaguardare la collaborazione e l'amicizia tra i popoli e Le siamo grati per quanto ha fatto in questo senso.*

*La SKGZ - Unione Culturale Economica Slovena è contraria a tutti i tentativi che intendono cancellare la memoria e la verità storica, offendendo i caduti per la libertà e la democrazia, e minano il lavoro di coloro che si adoperano per una convivenza pacifica e democratica. Ed è perciò che sosteniamo le richieste della Confederazione Italiana fra le Associazioni combattentistiche e partigiane.*

*Il presidente*
*Rudi Pavšič*