Il presente sito utilizza i cookie tecnici, ma anche i cookie di terze parti per assicurare la migliore esperienza di navigazione. Possiamo usare direttamente i cookie tecnici, ma è possibile disabilitare i cookie statistici e di profilazione nella Cookie Policy. Se prosegui nella navigazione o chiudi il banner acconsenti all’utilizzo di tutti i cookie.

X chiudi

Ciampi incontra la comunità slovena

02/11/2004

Il Presidente della Repubblica Carlo Azeglio Ciampi, in visita nella nostra regione, riceverà domani, mercoledì 3 novembre, alle 18.30 nel palazzo della Prefettura a Trieste, una delegazione delle due organizzazioni rappresentative della minoranza slovena SKGZ (Unione Culturale Economica Slovena) ed SSO (Confederazione delle Organizzazioni Slovene). Guideranno la delegazione Rudi Pavšič e Sergij Pahor, rispettivamente presidenti regionali della SKGZ e della SSO, che saranno accompagnati da Igor Gabrovec (presidente provinciale della SKGZ triestina) e Giorgio Banchig (presidente della SSO per la provincia di Udine). La decisione del presidente Ciampi di ricevere i rappresentanti della comunità slovena in Italia viene letta come un gesto di grande attenzione da parte del Capo dello Stato per le questioni che interessano i diritti individuali e collettivi dei cittadini italiani a prescindere dalle differenze linguistiche e culturali o dalla stessa appartenenza a minoranze nazionali autoctone. La stessa attenzione non era stata riscontrata da parte delle autorità locali, che hanno voluto anche nel caso delle manifestazioni del 50° del ritorno di Trieste all’Italia chiaramente escludere la comunità slovena, dando alle celebrazioni un marchio nostalgico e a momenti chiaramente nazionalistico. La comunità slovena di Trieste e del Friuli Venezia Giulia da quindi un caloroso benvenuto al presidente Ciampi, che già nel 2000 aveva ricevuto una delegazione slovena al Quirinale. Erano i mesi che precedevano l’adozione della legge di tutela degli sloveni in Italia, per la quale molto si è speso lo stesso Capo dello Stato. L’incontro con il presidente Ciampi sarà l’occasione per porre l’attenzione sui problemi che derivano oggi dalla non attuazione della stessa legge di tutela. Si parlerà anche di rapporti transfrontalieri e della necessità di dare a Trieste la possibilità di crescere e svilupparsi in un clima decisamente nuovo, migliore, più tollerante – o semplicemente più europeo.