Il presente sito utilizza i cookie tecnici, ma anche i cookie di terze parti per assicurare la migliore esperienza di navigazione. Possiamo usare direttamente i cookie tecnici, ma è possibile disabilitare i cookie statistici e di profilazione nella Cookie Policy. Se prosegui nella navigazione o chiudi il banner acconsenti all’utilizzo di tutti i cookie.

X chiudi

Come scongiurare le proposte del Governo di una drastica riduzione di finanziamenti per le attivita' della minoranza slovena?

17/10/2008

Le recenti proposte del Governo che indicano una drastica riduzione dei finanziamenti per le principali attività della minoranza slovena, se confermate, porrebbero la comunità in una situazione di rilevante crisi. Di questi argomenti ne hanno parlato a Roma i presidenti delle due maggiori organizzazioni slovene in Italia, Rudi Pavšič per l'Unione Culturale Economica Slovena (SKGZ) e Drago Štoka della Confederazione delle organizzazioni slovene (SSO). I rappresentanti della comunità slovena si sono incontrati in Senato con una delegazione del Partito democratico e con il senatore del Pdl Ferruccio Saro. Alla Camera c'è stato l'incontro col il parlamentare della SVP Siegfrid Brugger. Il senatore del PdL Ferruccio Saro ha espresso le difficoltà generali del momento, per cui anche su questo fronte è difficile non prevedere dei tagli ai finanziamenti. Štoka e Pavšič hanno ribadito la pecularità della comunità slovena nel FVG e di quella italiana in Istria, anch'essa nel mirino della scure finanziaria governativa. In quest'ambito si dovrebbe tenere conto del ruolo delle due minoranze in un'area che proprio per la presenza delle richezza etnico-linguistiche trae la sua specialità ed il suo valore aggiunto. Non va poi dimenticato il ruolo delle due comunità nell'ambito della collaborazione tra il Friuli Venezia Giulia, la Slovenia e l'Istria. A questo va aggiunto il fatto che le minoranze, slovena e italiana, sono tutelate attraverso accordi internazionali, nazionali e da una particolare legge regionale. A causa di impegni imprevisti all'estero è stato rinviato l'incontro di Štoka e Pavšič con il Sottosegretario all'Interno Francesco Nitto Palma. All' incontro con la delegazione del Partito democratico erano presenti, oltre alla senatrice slovena Tamara Blažina, Luigi Vimercati, Carlo Pegorer e Flavio Pertoldi. Il segretario della Commissione lavori pubblici Vimercati segue da vicino l'iter della Finanziaria, mentre i senatori Pertoldi e Pegorer conoscono bene la situazione della comunità slovena. I deputati del PD hanno ribadito che esporranno nelle commissioni parlamentari l'insostenibilità dei tagli ai finanziamenti per la comunità slovena ed italiana e manterranno la stessa linea pure in Senato. Un incondizionato appoggio alle richieste dei rappresentanti della minoranza è stato espresso da Siegfrid Brugger, capogruppo del gruppo misto Minoranze linguistiche ed esponente della Südtiroler Volkspartei. Le minoranze nazionali e linguistiche dispongono di un esiguo numero di rappresententi in Parlamento, ma Brugger ha promesso tutto il loro sostegno affinchè la legge finanziaria mantenga invariati i finanziamenti per gli sloveni. La SKGZ e la SSO su questi temi confidano anche nel sostegno da parte della Slovenia. La problematica sarà affrontata dai presidenti Pavšič e Štoka nei prossimi giorni col il candidato alla presidenza del Governo sloveno Borut Pahor e con il nuovo Ministro degli esteri sloveno. Delle difficoltà previste dalla nuova finanziaria sono stati già informati l'attuale premier sloveno Janez Janša ed il ministro degli Esteri Dimitrij Rupel.