Il presente sito utilizza i cookie tecnici, ma anche i cookie di terze parti per assicurare la migliore esperienza di navigazione. Possiamo usare direttamente i cookie tecnici, ma è possibile disabilitare i cookie statistici e di profilazione nella Cookie Policy. Se prosegui nella navigazione o chiudi il banner acconsenti all’utilizzo di tutti i cookie.

X chiudi

Invito all’incontro Alpe Adria: regione di pace

21/05/2018

 

 

Un gruppo di associazioni italiane, austriache e slovene organizzerà un solenne incontro nell'area di confine tra Italia, Austria e Slovenia in occasione del centenario della conclusione della Prima guerra mondiale. Alla cerimonia saranno invitati i massimi rappresentanti dei tre Paesi e delle regioni dell’area Alpe Adria. L'obiettivo della manifestazione è di promuovere il desiderio di pace e della collaborazione tra i popoli. La recente storia, che è stata piuttosto traumatica per questi luoghi, deve diventare ora ragione di amicizia, pace e integrazione. Questi sono i presupposti necessari, affinché quest’area diventi un esempio nella nuova Europa di una coesistenza di diverse lingue e culture.

Per molti anni i conflitti rimasti irrisolti hanno condizionato le relazioni ostacolando qualsiasi prospettiva futura comune. Per questo motivo i rappresentanti delle associazioni e un gruppo di persone hanno deciso di iniziare un percorso di dialogo aperto su questi temi, senza alcun tabù. Durante gli incontri si sono confrontate persone di generazioni diverse e di vari orientamenti politici. Il dialogo aperto, libero e inclusivo è iniziato in Carinzia per estendersi successivamente in altre zone della regione Alpe Adria con adesione dei rappresentanti della minoranza slovena del FVG e della comunità nazionale italiana in Slovenia.

L'obiettivo comune è di concentrarsi sul futuro senza dimenticare la storia. I promotori dell'iniziativa sono convinti che per costruire la "Regione di pace nell’area Alpe Adria" oltre al silenzio delle armi è necessaria anche una pace interiore nelle persone che vivono su questo territorio. È necessario pertanto cambiare le culture e le politiche conflittuali attraverso una visione di una regione di pace transnazionale e interculturale. Le vicende storiche hanno lasciato molte ferite nelle nostre terre, ma è giunto il tempo di cercare i valori che ci uniscono e che fanno di quest'area una delle regioni europee più promettenti e interessanti pur mantenendo e rispettando diverse memorie storiche.

 

Vi invitiamo alla presentazione delle conclusioni dei dibattiti e le future iniziative, iniziando proprio dalla manifestazione che si terrà nel punto geografico in cui si incontrano i tre Paesi. Presenteremo inoltre un opuscolo quale sintesi del lavoro pluriennale.

L’incontro si svolgerà mercoledì 23 maggio 2018 alle ore 10.30 presso il Centro triestino del libro-Tržaško knjižno središče TS 360 a Trieste (P.zza Oberdan 7).

Interverranno: Rudi Pavšič, presidente SKGZ-Unione Culturale Economica Slovena, Maurizio Tremul, presidente della Giunta esecutiva dell’Unione Italiana, Josef Feldner, presidente del Heimatdienst di Klagenfurt e cofondatore PRAA, Marjan Sturm presidente dell’Unione delle organizzazioni slovene-ZSO di Klagenfurt e cofondatore PRAA, Jan Brousek, coordinatore del progetto e Danijel Grafenauer, membro del Club degli sloveni della Carinzia-Klub koroških Slovencev.

 

Rudi Pavšič

Presidente SKGZ

 

Trieste, 21 maggio 2018