Il presente sito utilizza i cookie tecnici, ma anche i cookie di terze parti per assicurare la migliore esperienza di navigazione. Possiamo usare direttamente i cookie tecnici, ma è possibile disabilitare i cookie statistici e di profilazione nella Cookie Policy. Se prosegui nella navigazione o chiudi il banner acconsenti all’utilizzo di tutti i cookie.

X chiudi

Lettera di Pavšič e Bandelj ai presidenti Mattarella e Pahor in merito all’elezione di rappresentanti sloveni nel Parlamento italiano

25/05/2018

 

 

»Egregi Signori Presidenti,

la comunità nazionale slovena in Italia è orgogliosa dell'elezione della senatrice Tatjana Rojc e ha apprezzato che il Partito democratico l’abbia inserita nella propria lista di candidati. In tutto il dopoguerra questo partito e i suoi predecessori hanno sempre fatto in modo che un rappresentante della nostra comunità fosse eletto alla Camera o al Senato.

Finora la nostra presenza nel Parlamento italiano è stata quindi garantita esclusivamente dai partiti del centrosinistra. Il ruolo dei rappresentanti sloveni a Roma è stato da sempre fondamentale, in quanto molto hanno fatto non solo a favore della nostra comunità, ma anche dell’intera realtà regionale. Inoltre si sono impegnati a promuovere la collaborazione transfrontaliera, rafforzando così i rapporti tra Italia e Slovenia.

Egregi Signori Presidenti,

oggi siamo preoccupati, poiché non abbiamo alcuna certezza che anche in futuro potremo contare sulla preziosa presenza dei nostri rappresentanti nel Parlamento italiano. Siamo altresì convinti che alla nostra comunità dovrebbe essere garantito per legge un seggio sia al Senato che alla Camera dei Deputati, nel rispetto delle specifiche norme previste dalla Legge di tutela n° 38/2001. Questa legge però non prevede alcuna garanzia di elezione come ad esempio è garantito per la minoranza tedesca in Alto Adige e per quella francese in Valle d'Aosta.

Potrebbe inoltre accadere che la XVIII legislatura, iniziata il 23 marzo 2018, possa interrompersi prima della sua scadenza naturale e che venga approvata una nuova legge elettorale. Se ciò dovesse succedere, sarebbe per la nostra comunità importante che la nuova legge includesse l’elezione garantita dei nostri rappresentanti.

Egregi Signori Presidenti,

abbiamo già esposto queste nostre considerazioni all’attenzione dei Presidenti del Senato e della Camera dei Deputati. Siamo convinti di poter contare anche sul Vostro aiuto e impegno, affinché la comunità nazionale slovena sia adeguatamente rappresentata in Parlamento.«

 

Trieste 25 maggio 2018