Il presente sito utilizza i cookie tecnici, ma anche i cookie di terze parti per assicurare la migliore esperienza di navigazione. Possiamo usare direttamente i cookie tecnici, ma è possibile disabilitare i cookie statistici e di profilazione nella Cookie Policy. Se prosegui nella navigazione o chiudi il banner acconsenti all’utilizzo di tutti i cookie.

X chiudi

Paralisi totale della legge di tutela

11/02/2005

Sono passati ben quattro lunghi anni da quel 14 febbraio 2001, quando il Senato della Repubblica ha votato la legge 38/01, conosciuta come legge di tutela della minoranza slovena ovvero “Norme a tutela della minoranza linguistica slovena nella regione FVG”. La legge è stata poi promulgata dal Presidente della Repubblica il 23 febbraio e l’8 marzo è apparsa sulla Gazzetta ufficiale, entrando effettivamente in vigore il 23 marzo 2001.

Una serie quindi di date che hanno sancito la conclusione formale di un iter politico durato vari decenni, per non dire tutto il secondo dopoguerra. Una vittoria dello stato di diritto e della volontà democraticamente espressa dal parlamento italiano. Ma da quel momento la legge non ha più fatto sostanziali passi avanti. Cambiata la maggioranza parlamentare e la compagine governativa la legge 38/01 è rimasta sostanzialmente lettera morta.

In occasione del quarto anniversario della legge di tutela le organizzazioni slovene SKGZ Unione Culturale Economica Slovena ed SSO Confederazione delle Organizzazioni Slovene convocano una conferenza stampa, che si terrà lunedì 14 febbraio, alle ore 15.30 presso la Sala Alessi del Circolo della Stampa a Trieste (Corso Italia 13).

Interverranno il presidente della SKGZ Rudi Pavšič e il presidente della SSO Sergij Pahor. Verrà tracciato il percorso, la mappa degli intoppi di questi ultimi 4 anni, che hanno portato oggi all’effettiva paralisi anche del Comitato paritetico preposto all’attuazione della legge di tutela. Verranno inoltre toccati anche alcuni argomenti di attualità che interessano i rapporti transfrontalieri ed internazionali.