Il presente sito utilizza i cookie tecnici, ma anche i cookie di terze parti per assicurare la migliore esperienza di navigazione. Possiamo usare direttamente i cookie tecnici, ma è possibile disabilitare i cookie statistici e di profilazione nella Cookie Policy. Se prosegui nella navigazione o chiudi il banner acconsenti all’utilizzo di tutti i cookie.

X chiudi

Piena solidarietà della SKGZ all' Unione Italiana

05/02/2005

Il presidente della SKGZ Unione Culturale Economica Slovena Rudi Pavšič esprime pieno sostegno e solidarietà all'Unione Italiana e a suoi dirigenti, oggetto in questi giorni di inaudite critiche da parte del deputato triestino di AN. E' infatti indiscusso e indiscutibile il ruolo svolto per lunghi decenni dall'U.I. come principale organizzazione della comunità nazionale italiana nell'ex Jugoslavia. Un ruolo sempre inteso al servizio degli Italiani - colpevoli per qualcuno forse di essere “rimasti”? – in Istria e Dalmazia. Un presenza e un lavoro a favore del mantenimento e dello sviluppo della lingua e cultura italiana e non di meno nel mantenere uno stretto contatto con la madre patria, l’Italia.

E’ anche per questo che risuonano tanto più inopportuni, ingiusti e denigratori gli attacchi e le critiche da parte di un parlamentare italiano, perché sono posizioni che non possono che indebolire il ruolo e ledere la credibilità della principale organizzazione della minoranza italiana. Un’organizzazione che ha negli ultimi anni in particolare investito moltissime energie anche nell’ intraprendere e consolidare una rete di stretta collaborazione con le organizzazioni della minoranza slovena in Italia nel campo culturale, sportivo ed economico. E’ forse da credere che le minoranze sono per taluni “fattore di disturbo” ovunque esse si trovino? La SKGZ crede di no e vede nelle comunità linguistiche minoritarie e a ridosso dei confini una risorsa inestimabile, tanto più in un’epoca di allargamento e consolidamento dell’Europa che non può che iniziare con il ricucire gli strappi artificiosi tra genti e culture rappresentati dai confini.

Va quindi e perciò rispettata e valorizzata la soggettività e l'indipendenza delle minoranze linguistiche, riponendo la stessa fiducia in quegli organismi che le stesse minoranze si sono date per coordinare il proprio lavoro e gli sforzi sempre rivolti a favore delle comunità rappresentate e delle quali sono, non da ultimo, naturale emanazione – nel FVG, in Slovenia ed in Croazia, ovunque vi siano dei territori baciati dal dono della pluralità linguistica, culturale e nazionale.