Il presente sito utilizza i cookie tecnici, ma anche i cookie di terze parti per assicurare la migliore esperienza di navigazione. Possiamo usare direttamente i cookie tecnici, ma è possibile disabilitare i cookie statistici e di profilazione nella Cookie Policy. Se prosegui nella navigazione o chiudi il banner acconsenti all’utilizzo di tutti i cookie.

X chiudi

Rudi Pavšič ha scritto al Commissario del Governo nel FVG Garufi

13/05/2015

Il presidente della Slovenska kulturno-gospodarska zveza - Unione Culturale Economica Slovena Rudi Pavšič ha ieri inviato al Commissario del Governo nel Friuli Venezia Giulia Francesca Adelaide Garufi una lettera in merito alla manifestazione del 23 maggio a Gorizia indetta da Casa Pound, movimento di estrema destra. Nella propria lettera Pavšič scrive:
»La Slovenska kulturno-gospodarska zveza - Unione Culturale Economica Slovena è da sempre impegnata ad affermare l'identità della comunità slovena ed una coesistenza costruttiva tra la comunità stessa e la maggioranza della popolazione della nostra regione. Grazie agli sforzi di varie componenti socio-politiche slovene e italiane sono stati fatti negli ultimi anni notevoli passi avanti nel rafforzare la realtà multiculturale del nostro territorio, in armonia con i principi della Comunità europea.
Purtroppo alcuni eventi tendono a rovinare gli sforzi comuni per creare una convivenza civile e superare le tensioni del passato. Un movimento di estrema destra ha annunciato una manifestazione nella nostra regione proprio nei giorni in cui stiamo celebrando il 70°anniversario della fine della seconda guerra mondiale e la vittoria sul nazifascismo che ha profondamente segnato le nostre terre. La manifestazione desta notevole preoccupazione tra la popolazione ed è un vero e proprio insulto ai valori su cui è fondata la Costituzione italiana.
Ci rivolgiamo a Lei con preghiera di fare tutto il possibile per vietare la manifestazione, poiché l'apologia e l'esaltazione del fascismo sono proibiti dalla legge. Con questo nostro appello ci uniamo a tanti altri sindaci ed associazioni che hanno espresso in questi giorni una ferma contrarietà a questa e simili provocazioni.«